Proroga rateizzazione cartelle Equitalia. Come funziona.

Condividi questo post:

Con l’entrata in vigore dell’articolo 11 bis, decreto legge n. 66/2014 (cosiddetto “decreto IRPEF”), convertito con modifiche in legge n. 89/2014 è possibile rinegoziare i piani di rateizzazione delle cartelle Equitalia.
La disposizione è rivolta solo ed esclusivamente a coloro che, alla data del 22 giugno 2013 siano già decaduti da un piano di rateizzazione precedentemente concesso da Equitalia.

Si ha decadenza ogniqualvolta il contribuente – che abbia già usufruito di una rateizzazione – non abbia provveduto al pagamento di almeno 8 rate anche non consecutive. La decadenza opera automaticamente!
Come già detto, al fine di godere del beneficio previsto dalla nuova norma, occorre che detta decadenza si sia già verificata alla data del 22 giugno 2013.

Grazie alla nuova norma il contribuente decaduto da una precedente rateizzazione potrà negoziare una nuova dilazione di pagamento per un massimo di 72 rate mensili di importo minimo pari ad € 100. Tuttavia, una volta ottenuto il nuovo piano di rientro, il contribuente decadrà dal beneficio per il mancato pagamento di sole 2 rate anche non consecutive.

Per beneficiare della proroga dei piani di rientro occorre presentare ad Equitalia (a mezzo raccomandata oppure mediante consegna a mani) apposito modulo entro e non oltre il giorno 31 luglio 2014.

Documenti da scaricare

Per tutte le altre ipotesi di dilazione concedibili da Equitalia rivolte a coloro che non abbiano mai fatto richiesta di rateizzazione invito alla lettura di un mio precedente articolo dedicato al sistema ordinario di dilazione delle cartelle previsto fino ad un massimo di 120 rate mensili.