Coronavirus, decreto “Cura Italia”: sospesi accertamenti fiscali, cartelle esattoriali, ingiunzioni e rottamazioni.

Condividi questo post:

Il decreto “Cura Italia” approvato dal Governo per fronteggiare Covid19 sospende, fino a maggio 2020, le attività dell’Agenzia delle Entrate, cartelle esattoriali e le rottamazioni.
Sospende accertamenti e ingiunzioni di Comuni, Province e Regioni.

# Sospensione degli accertamenti, cartelle esattoriali, pignoramenti dell’Agenzia delle Entrate

Sono sospesi dall’8 marzo al 31 maggio 2020 i termini relativi alla liquidazione, controllo, accertamento, riscossione e contenzioso, da parte degli uffici dell’Agenzia delle Entrate e degli altri enti impositori.

Sono sospesi, per lo stesso periodo, a favore dell’ufficio anche i termini di prescrizione e decadenza per lo svolgimento delle stesse attività.

# Sospensione dei pagamenti di cartelle esattoriali e accertamenti esecutivi

Sono sospesi i pagamenti in scadenza nel periodo dall’8 marzo al 31 maggio 2020, di entrate tributarie e non tributarie, relativi alle cartelle di pagamento e avvisi di accertamento esecutivi già notificati.

I pagamenti saranno eseguiti, in unica soluzione, entro il 30 giugno 2020.

Nello stesso periodo sono sospesi i termini di prescrizione e decadenza riferiti ai tributi recati dalle cartelle di pagamento ed accertamenti esecutivi sospesi.

Tuttavia, le somme eventualmente già versate non sono rimborsabili.

# Differimento di rottamazioni bis e ter

E’ differito al 31 maggio 2020 il versamento della rata, in scadenza al 28 febbraio 2020, per i contribuenti che hanno aderito alle rottamazioni “bis” e “ter”.

# Differimento del “saldo e stralcio”

E’ differito al 31 maggio 2020 il versamento della rata, in scadenza al 31 marzo 2020, per i contribuenti che hanno beneficiato del c.d. “saldo e stralcio” delle cartelle esattoriali.

# Regioni, Province e Comuni: sospesi accertamenti esecutivi e ingiunzioni fiscali

Sono sospesi dall’8 marzo al 31 maggio 2020 i pagamenti delle somme intimate da Regioni, Province e Comuni mediante avvisi di accertamento esecutivi ed ingiunzioni fiscali per i tributi locali.