About Raffaele Greco

https://www.raffaelegreco.it

Avvocato del Foro di Salerno. Fornisce consulenza e assistenza legale alle micro, piccole e medie imprese in ambito real estate, bancario, societario, tributario e crisi d'impresa. E' fondatore del portale Campania Europa.it ove si occupa di finanza agevolata e nuovi business per start-up e P.M.I. in Campania.

Posts by Raffaele Greco:

Prescrizione sofferenze in Centrale Rischi Banca d’Italia: come sospendere la segnalazione.

Condividi questo post:

I crediti della banca, di regola, si prescrivono nel termine di 10 anni.
Il termine decorre dalla chiusura del rapporto col cliente.
La prescrizione decennale del debito bancario decorre, generalmente, dal giorno in cui la Banca comunica al cliente il recesso dal rapporto (conto corrente, finanziamento, ecc.).

Spesso la comunicazione di recesso della Banca origina da una sofferenza del cliente e si accompagna a un preavviso di segnalazione a sofferenza in Centrale dei Rischi di Banca d’Italia.

Il preavviso tutela il cliente il quale viene avvertito dell’imminente segnalazione a sofferenza in Centrale Rischi. Il cliente ha modo di intraprendere eventuali iniziative per evitare la segnalazione a sofferenza in Centrale Rischi di Banca d’Italia.

Nella prassi, dopo aver comunicato il preavviso di segnalazione a sofferenza, le banche procedono alla segnalazione solo dopo un certo tempo.

La sofferenza in Centrale Rischi di Banca d’Italia permane finché il debito della banca non è estinto oppure prescritto.


(altro…)

Compravendita di immobili e abusi edilizi: la riduzione del prezzo ed il risarcimento dei danni.

Condividi questo post:

Se l’immobile acquistato presenta un abuso edilizio di cui non hai avuto conoscenza al momento della compravendita, puoi chiedere al venditore la riduzione del prezzo, in proporzione degli oneri necessari per sanare l’abuso oppure la risoluzione del contratto (integrale restituzione del prezzo, oltre il risarcimento dell’eventuale danno).

Il venditore è obbligato a garantire l’inesistenza di oneri, di diritti reali o personali a favore di terzi. Detta garanzia assicura al compratore il pieno godimento del bene, senza limitazioni e senza pericolo di perdita, parziale o totale.

(altro…)

Cause civili contro banche per anatocismo e usura: il cliente deve depositare in giudizio i contratti.

Condividi questo post:
Il mancato deposito in giudizio dei contratti bancari impedisce al Giudice, nel processo promosso dal cliente nei confronti della banca, l’esame dell’eccezione di nullità delle clausole contrattuali. Se il correntista non deposita i contratti di conto corrente non è possibile accertare l’eventuale applicazione di interessi superiori al limite legale e commissioni e spese non pattuite per iscritto. In mancanza dei contratti, il giudice deve rigettare la domanda di restituzione delle somme che, il cliente, assume gli siano state illegittimamente addebitate. (altro…)

Fallimento delle start-up innovative escluso prima di 5 anni dall’iscrizione in Registro Imprese.

Condividi questo post:

Non può dichiararsi il fallimento della start-up cancellata dal Registro delle Imprese entro 5 anni dall’iscrizione nella sezione speciale start-up innovative in quanto, anche in questo caso, opera l’esenzione dalle procedure concorsuali (incluso il fallimento) prevista dall’art. 31 del Decreto Crescita 2.0 (Decreto Legge n. 179/2012).

Il principio è stato pronunciato di recente dalla Corte d’Appello di Bologna con sentenza n. 2486/2018 del 24 ottobre 2018.

Fallimento della start-up innovativa, sentenza Corte d’Appello di Bologna

Una s.r.l. costituita nel 2014, già iscritta nella sezione speciale start-up innovative, era stata cancellata dal Registro delle Imprese nel 2017. (altro…)

P.M.I., le procedure di allerta: cosa sono e come funzionano spiegato agli imprenditori.

Condividi questo post:

Il 10 gennaio 2019 il Consiglio dei Ministri ha approvato il Codice della Crisi d’Impresa. La riforma entrerà in vigore soltanto 18 mesi dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto. La novità di primario interesse per le P.M.I. è l’introduzione delle procedure di allerta.

Nello spirito della nuova disciplina della crisi di impresa, le procedure di allerta rappresentano meccanismi che servirebbero a fare emergere, in anticipo, i segnali della crisi aziendale per agevolare le trattative con i creditori e favorire la gestione controllata della crisi.

I meccanismi di allerta disciplinati dal Codice della Crisi d’Impresa impongono in primis all’imprenditore un monitoraggio continuo dello stato di salute dell’azienda, teso a verificare l’esistenza degli eventuali segnali di crisi ed imponendogli di adottare efficaci iniziative per prevenire la crisi e superarla. (altro…)